PROSSIMA GARA IN PROGRAMMA

Per iscriverti alla gara, visualizzare la mappa del punto di ritrovo e altre informazioni clicca sul titolo della gara o sul volantino

Gara 11 – Mountain Corrida di Nuvolento

volantino gara 11 corrida nuvolento

Online i risultati di:
Gara 10 – COUNTRY CALIFORNIA RUN
Combinata Grigio Fumo (gara 9-12)
Classifica rainbow aggiornata
Classifica trasparenza aggiornata


Aggiornamenti e news

News

MOUNTAIN CORRIDA DI NUVOLENTO

Al momento, già ben n°2 iscrizioni. Questa edizione è più impegnativa di tutte le edizioni precedenti. Questa edizione è caratterizzata dalla “diretta” al m.te Puletto, il punto più in alto di Nuvolento. (era idea di gara di qualche anno fa: Cronoscalata del Puletto. Poi, le gare a cronometro sono sempre critiche, nel senso che sbagliare e anche solo di 1”, inficia la gara) Detto questo, l’ultimo tratto non lo facciamo, arrivati al roccolo Bianchini, teniamo la strada sterrata, direzione Manzaniga. Il giro rimane sul m.te Bausso e sul m.te Pelado (il nome deriva dal fatto che era monte brullo, le cave operative nei secoli scorsi avevano influito sulla vegetazione. Poi, nei primi anni’60, cessate le attività di cava, la Forestale ha iniziato a piantumare il Pelado e anche il Bausso. Alle elementari, quando si celebrava la Festa degli Alberi, tutta la scolaresca era invitata a partecipare e a vedere i lavori di piantumazione. Bei tempi, bella festa. Ma ci sarà ancora questa festa?) Inizialmente, visto che facciamo tratto della Val di Giava, passando dal ponte sul Rio Giava (quel posto dove ho fatto anche fare gara campestre a giro unico) volevo salire sul Bausso “scalando” il sentiero del m.te Bolle di Nuvolera (che è quel monte dove ci sta una grotta ibrida, nel senso che è metà naturale e metà scavata dall’uomo) -continua-

MOUNTAIN CORRIDA DI NUVOLENTO (la gara delle famigerate buste denaro)

Questa è la settimana della Corrida di Nuvolento, gara arrivata a spegnere la sua 15cesima candelina. Quindici edizioni, mai una uguale all’altra. Questa edizione ha sapore di bosco di bassa montagna. La famosa gara scacciata dal Gotha di tal comitato, anche senza tal comitato, checchè per invidia gli abbiano messo bastone nelle ruote, continua a vivere e a girare. Ve la ricordate la storiella? si, fa lo stesso, la riassumo per quei pochi che ancora non la conoscono. Allora, anno 2013, quella edizione era gara non competitiva con tanti e tanti bei premi a sorteggio, di elevato valore commerciale. Per la gara erano previste le solite buste denaro, cosa che è stata sin al suo esordio, sin dalla prima edizione del anno 2005. Le buste denaro sono state scusa, l’appiglio per compiere prepotenza. Ma la cosa che aveva dato più fastidio, era stata la fase oggetto ricordo, quell’anno con i 2,5€ del cartellino iscrizione, i partecipanti si sono visti consegnare sportina con dentro n°6 prodotti. Questa cosa ha dato fastidio agli altri presidenti, pure loro organizzatori. Hanno mal digerito il consenso di tutti i partecipanti, più di n°800 iscrizioni. Stracciando il regolamento da loro stessi, quelli del Gotha del tal comitato, che anni prima avevano messo nero su bianco (ho tanto di fotocopia, e solo quattro erano i motivi che ci stavano per buttar fuori calendario una gara, quello delle buste denaro a non competitiva non c’era dentro. Mentre c’era dentro quello di non collaborare a gara fuori calendario. Ebbene, sei o sette gruppi sono stati a infrangere quella regola, ma plauditi. Noi scacciati per aver rispettato il regolamento, altri gruppi lacchè, dentro anche se avevano infranto, dentro perchè gruppi lecca lecca?)  hanno sbattuto fuori La Corrida di Nuvolento. Al tempo qualche atleta a dirmi: ma non era la prima volta che la facevi non competitiva – pensa te, rispondo, che un anno, (forse 2007) avevo fatto non competitiva con categorie di mia invenzione, e avevo fatto giro corto valido anche per gli adulti. Però, quell’anno, (perchè qualche altro anno, qualche lettera di ammonizione, e sempre a torto, me l’hanno anche spedita) nessuno del Ghota a farsi venire il mal di pancia, il perchè? è subito detto, quell’anno, i quattro gruppi con più iscrizioni, quelli del Gotha, si sono beccati una bella bici (quell’anno erano sei le bici, quattro ai gruppi, due a sorteggio. Te lo ricordi? poi, se si tratta di bici, sono, e senza tema di smentita, quello che in gare di tal comitato, ne ha regalate di più. In carriera organizzativa, più di n°50 bici regalate. Stessa cosa vale per le medaglie d’oro, più di n°70 medaglie d’oro regalate. Questo anche grazie alle varie amministrazioni, che, ai tempi, non hanno mai lesinato sul patrocinio della Corrida di Nuvolento) Detto questo, quel torto subito, quella prepotenza subita, è stato solo che spermatozoo che ha fatto nascere la bella storia del Torneo Podistico (anche dalle brutte cose, la mentalità positiva, è in grado di creare e dar vita a nuove situazioni e ancora più belle delle precedenti. Ispirata dalla storia dell’Alpino B… Storia che avevo già raccontato e che riguarda la mentalità positiva, l’unica mentalità in grado di ribaltare le situazioni sfavorevoli, ribaltarle in belle situazioni. Non è mia, è dal libro dei Samurai, ma è anche di T…, dal libro di T…) Adesso come adesso, quella prepotenza subita dalla Corrida di Nuvolento è stata solo che, una fortuna, una grande fortuna, un Jolly Lucky. L’edizione seguente a quella incriminata, il decennale, la nuova amministrazione comunale entrante, aveva messo sul piatto, ben n°12 medaglie d’oro. Però, questa è stata la gara che mi ha aperto gli occhi su tanti e tanti atleti. Nel senso che, per le dodici medaglie d’oro, a Nuvolento in n°28 atleti, mentre a Prevalle, a 3km di distanza, nella gara che ha rubato la data alla Corrida, hanno fatto il pieno, il record presenze. Tanti runningadventure, la “mia” squadra, in tanti anche loro a Prevalle. Diciamo che a Nuvolento erano sei le donne e, tutte e sei, sono andate a casa con la medaglia d’oro. Dopo questo flop, l’amministrazione comunale non si è mai più interessata di questa gara. Seppur, partita ai tempi grazie a amministrazione comunale di quel tempo. Adesso, e sin dal 2015, è interamente sulle spalle del sottoscritto (che non mette le mani in tasca ai suoi compaesani, come è giusto così, ci mancherebbe) che non ha mai fatto mancare le “tradizionali” buste denaro. Anche quest’anno sarà così, anzi, ci starà busta più pesante. Però, c’è un però, le buste denaro sono riservate esclusivamente a chi è già stato almeno due volte in classifica delle dieci gare del Torneo Podistico 2019. La cosa sta così e non si accettano reclami di sorta. Si tratta di premio extra che non ha a che fare col volantino gara. Anche gli anni passati è stata cosa così, cosa riservata a chi in possesso di requisito richiesto. Un Abbraccio, Many Kisses, Vi Voglio Bene. CIAO (mauro)

COUNTRY CALIFORNIA RUN

Anche questa è andata, anche questa è andata bene? sicuro, ce la facciamo andare bene, siamo di indole positiva, il bicchiere lo vediamo sempre mezzo pieno (personalmente lo vedo pieno sempre, anche quando c’è poco dentro? sicuro, la mentalità positiva è così) Questa mattina, ecco la cosa che non ti aspetti, ovvero, i non competitivi sono stati di più dei competitivi, i non competitivi battono i competitivi 32 a 28. Poi è anche vero che, il cartellino iscrizione a gara, avvantaggia i non competitivi. Nel senso che, costo 3€, hai caffè a gratis, hai biglietto premi a sorteggio a gratis, ovvero, un bel vantaggio di sicuro. Nel settore femminile prevale ancora il fattore Monica, questa volta il 1° posto è Monica Pont Chafer e non la Monica Baccanelli (che è arrivata secondo posto). Parlando di settore femminile, terzo posto per Daniela Dancelli, una atleta new entry, (da lustrarsi la vista) per quanto riguarda il Torneo Podistico. Nel settore maschile, un atleta che arriva da Breno, ma atleta gemellato con il paese di Botticino. Nel senso che, per meriti sul campo, è diventato uno dei quater de butisì. Settore maschile 1° posto Davide Tottoli. Al secondo posto, un’altro dei quater de butisì, Fiore Moratto, (che è anche l’ispiratore e l’ideatore della storiella dei quater de butisì) il terzo posto è di Patrick Ferrari. Una curiosità, sia Monica Baccanelli e sia Fiore Moratto, sono arrivati sul campo gara in bici e, tutti e due, secondo posto. Per Monica, vale come fase di allenamento ai duathlon (è una vita che non vedo Alessandro, che è stato uno dei migliori italiani di questa specialità) Mentre per Fiore è stile di vita, siamo quei tipi li? di Fiore non so. La cosa vale per quelli come me, quelli che sono scettici su infrastrutture faraoniche, aprire ogni anno cantieri faraonici, ogni dieci anni aprire siti industriali, questa cosa, per me, creerà forse si lavoro, però, di sicuro, sono cose che, sono cose faraoniche che danneggiano, e fino a distruggerlo, il Pianeta Terra. Non puoi mettere li otto ore al giorno, cinque giorni la settimana, mettere li miliardi di persone a produrre cose che, sicuro che poi diventano immondizia, diventano rifiuti. Avete presente quando alla televisione fanno vedere ex aree industriali diventate come delle discariche? avete presente come voi vi meravigliate e non riuscite a capacitarvi di come centinaia di persone possano vivere in mezzo ai rifiuti e all’immondizia, avete presente di come vi meravigliate? ebbene, è la stessa identica cosa, per quelli come me, non riusciamo a capacitarci e a capire di come gli esseri umani, continuino sempre più a produrre cose, che inevitabilmente diventano solo che immondizia, esseri umani e animali, costretti a vivere tra i rifiuti e immondizia, diventeremo cosi? Gli esseri umani, tutti gli Animali e tutto il Mondo Vegetale e il Pianeta Terra, solo di una cosa hanno bisogno, se si vuol continuare a vivere su un Pianeta Terra che sia anche ospitale, questa cosa di cui ha bisogno il Pianeta terra è: il rispetto dell’ambiente. Gli esseri che abitano il Pianeta Terra, hanno bisogno di: acqua pulita da bere, acqua che sgorghi limpida, dalle sorgenti e dalle fonti, e non dalla bottiglia di plastica. Di cibo che segua e che provenga da filiera della natura e non dalla chimica: pesticidi, ormoni, steroidi, antibiotici, e chi più ne ha più ne metta. Cari imbonitori tv, ho più di sessant’anni, e in tutti gli anni passati non ho mai visto una tv come quella di oggi, dove il padrone tv, da voce solo agli industriali, ai cementificatori, ai catramisti asfaltatori. Questi qua, per sta bene loro o, al massimo, far star bene ancora una generazione o due o tre, non credo di più, stanno rendendo il Pianeta Terra una enorme pattumiera. Tanto loro ragionano così, di che ti lamenti? lavora e sta zitto, che dietro la porta ne trovo altri cento a prendere il tuo posto. Produrre tanto, crescere tanto, vuol dire solo una cosa, vuol dire produrre tanti rifiuti e vuol dire accrescere anche di milioni di tonnellate di immondizia ogni giorno, e poi, dopo che succede? logico, si va disperdere questa immondizia sul Pianeta Terra. Bruciare questi rifiuti e questa immondizia, usando una grande pattumiera inceneritore, questa cosa, è solo cosa che avvelena l’aria che respiriamo. Solo cosa che, va a infiltrarsi nelle falde acquifere. Carissimi, l’acqua non si produce, è sempre quella, che, evaporando, ritorna sul Pianeta Terra sotto forma di pioggia e sempre più acida e avvelenata, sempre più avvelenata dopo ogni ciclo. Quando i miei coetanei andavano alle medie usando la corriera, il sottoscritto, tutti i giorni, sole e pioggia e vento e neve, e dopo aver “servito messa del mattino”, a 11 anni e fino ai 14 anni, in bici, andava alle scuole medie, 6km andata, 6km ritorno. Adesso, tanti adolescenti, a scuola li porta l’auto di mamma e papà. Tanti gli adolescenti che hanno preso coscienza che gli industriali gli hanno rubato il futuro, però, caro adolescente, da ascolto a questo vecchio, che ti dice: inizia a usare di più la bici, e anche per andare a scuola. (non farti sedurre dalla mentalità industriale) Facevo una dozzina di km al giorno, vedrai che, anche a te, un paio di km al giorno ti faranno solo che bene, e quando arriverai a sessant’anni il tuo organismo ti ringrazierà. I cartelli che hai appeso fuori dalla scuola sono solo il primo passo, adesso passa al concreto, usa sempre il meno possibile le fonti inquinanti, tipo: auto e smartphone. Ultima cosa e poi chiudo questa cazzata. Greta, GRAZIE, grazie per dire quello, le stesse identiche cose che noi colorati e dai capelli lunghi, dicevamo 50’anni fa. Ai tempi, tanti che sono stati rinchiusi in prigione perchè dicevano quello che dici tu adesso, solo che loro ingiustamente in prigione e tu? giustamente in odore di Nobel. Ma guarda che, già duecento anni fa ci sono stati quelli che, ci dicevano di stare attenti, che noi bianchi intelligenti proseguendo su questa via, avremmo ridotto il Pianeta Terra solo che simile a una grande discarica di rifiuti colma di prodotti industriali fatti e stampati in serie. Adesso siamo arrivati alla digitale tecnologia, ma priva di sentimento e fantasia. (tecnonologia importata sul Pianeta Terra da alieni che, siccome sono andati talmente avanti sul loro vecchio Pianeta, hanno anche imparato a vivere in presenza di inquinamento, anzi, siccome sul loro Pianeta erano diventati talmente tanti, adesso sono sbarcati da noi e stanno per ricreare sul Pianeta Terra, l’atmosfera avvelenata del loro vecchio Pianeta) Imbonitori industriali, amici dei padroni tv, comodo andare in tv a piacimento e imbonire la massa, con giornalisti che, quelli che gli fate busta paga, a farvi da zerbino, col compito di farvi apparire agli occhi della massa incollata alla tv, di farvi apparire brave persone, per bene, che avete e solo voi, la ricetta per far vivere bene e contenti e felici tutte le persone che a voi si affideranno. Comodo andare in tv a farvi intrvistare a vostro piacimento. Carissimi imbonitori tv, avete paura a farvi intervistare da quelli come me? sicuro che avete paura, siete i tipi che volete solo che, usando il vostro tanto e tanto e tanto denaro, corrompere, ricattare in modo di vincere facile. Comodo essere moderati quando hai tanto e tanto, ingannando la massa, ipnotizzata dalle vostre amiche tv. Dove sta il buon senso di chi, vecchio, che pensa di essere ancora attraente tanto da piacere ancora alle giovani ragazze. Carissimi vecchi, questo, le belle e giovani starlettine tv, (che poi con pelle di daino che avete in mezzo alle gambe, sicuro che non ce la fate a miccare biscotto, per voi, la siliconata starlettina, è solo un ostentare agli altri industriali la vostra sculettante preda. Cazzata ispirata da una canzone di G.) è solo grazie al tanto e tanto e tanto denaro che avete fatto sulla pelle degli altri. Facendo trainare la slitta agli altri, denaro fatto, facendo sudare gli altri al posto vostro. Denaro fatto, col solito sistema del ricatto, ovvero: zitto e pedala, dietro quella porta ce ne stanno altri cento che vogliono prendere il tuo posto. Classifiche & Affini pubblicate. Un GRAZIE a chi era stamattina alla Palestra California, Volontari e Partecipanti. Un Abbraccio, Many Kisses, Vi Voglio Bene. CIAO (mauro)

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Se prosegui nel sito accetti i cookie nostri e di terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi