Aggiornamenti e news

News

TORNEO PODISTICO

Il giro di boa è già stato passato, logico che, si deve pensare già al prossimo anno. Il navigare a vista come spesso era consuetudine negli anni passati, che era cosa normale per il comitato provinciale, adesso essendo già da qualche anno fuori da quel giro, magari le cose sono cambiate e cambiate in meglio. Però, anni fa, facevano partire i campionati, e i dirigenti di società, non erano a conoscenza del sistema che avrebbero adottato, inventato, quelli del gotha del comitato provinciale. Il regolamento lo stilavano in corsa, sentito il parere delle Majors. E’ questa l’efficienza che deve avere chi ha in dote grandi mezzi? evidentemente è cosi. Il TORNEO, non avendo a disposizione grandi mezzi, fa una cosa più che logica, il regolamento lo redige prima, prima di iniziare i giochi. Sembrerà cosa normale, cosa logica, però, nel comitato provinciale, anni e anni che il regolamento lo studiavano in primavera, se tutto andava bene, due mesi dopo l’inizio dei campionati, è questa l’efficienza? Ricordo che son stato sbattuto fuori dal calendario gare del comitato provinciale, a loro detta, per mancata efficienza. Ecco allora che, si deve prendere decisione, cosa fare il prossimo anno, come impostare il Torneo Podistico del prossimo anno? questa è cosa da vedere mesi e mesi prima dell’inizio. La moda della corsa a piedi ha snaturato quel che era il primordiale spirito dei corridori a piedi. La corsa a piedi era vista come un gioco. C’è chi giocava a pallone, c’è chi giocava a fare il ciclista e, c’è chi giocava a correre a piedi. In pratica, correre a piedi, per tanti era, tra le altre cose, era anche un gioco. Il prossimo anno, per giocare, ci si dovrà iscrivere, senza dover pagare affiliazioni o quant’altro, ma si dovrà essere in possesso di tessera gratuita del TORNEO PODISTICO. Chi non sarà titolare della tessera del Torneo Podistico, non sarà ammesso a giocare con le gare del circuito Amici Torneo Podistico. La tessera rilasciata solo a chi è in regola con certificato medico sportivo, la tessera verrà bloccata se si farà scadere l’idoneità, se si farà scadere la validità del certificato medico sportivo. Logico che, in questo modo si perderanno potenziali partecipanti, i camminatori. Carissimi, tanti non hanno ancora capito che il Torneo Podistico è un gioco, giocare con la corsa a piedi. Non è, cosa per fare fatturato con la corsa a piedi (anche se nessuno la beve questa. Altri organizzatori fanno fatturato, tanto fatturato con la corsa a piedi, però loro sono elogiati, loro sono Onlus, sono meritevoli. Il Torneo fa poco fatturato, è da quattro anni con bilancio in perdita, però, che strano, nell’immaginario collettivo, per tanti e tanti, detrattori e non, è solo cosa stata inventata per fare fatturato. Libertà di pensiero è una bella cosa) Detto questo, ecco cosa può capitare, può capitare che si presenti il giorno della gara, si presenti li anche qualche camminatore, che fare? questo è un problema. Nel senso che, che fare, si accetta l’iscrizione? e se poi qualcosa va storto? come la mettiamo con l’assicurazione? è camminatore che non ha la tessera, non ha il certificato medico, come diventa la cosa? Ovviare, come solita prassi vigente in quasi tutte le gare podistiche, ovviare con assicurazione cumulativa? beh, si può fare, è un costo, ma si può fare. Però, c’è un però, si rientrerebbe nel solito giro di corse a piedi organizzate per fare il più fatturato possibile, non corse a piedi fatte per chi vuol giocare con la corsa a piedi, e tra le due cose c’è una bella differenza. Probabilmente, salvo altre soluzioni, il prossimo anno, alle gare del Torneo Podistico, si accetterà iscrizione solo di chi ha la tessera del Torneo. Che è cosa gratuita, anche i camminatori possono riceverla e gratis. Non ce ne sono di banane, non ci sono scuse, la scelta è vostra. Più che regalarvi la tessera … Fare o non fare fatturato con le gare del Torneo, non è cosa che sta nei miei rischi, per me, l’importante è far partire il gioco, il campionato a squadre. Perchè il prossimo anno, il Torneo Podistico, diventerà molto campionato a squadre. E’ anche probabile che modificheremo le premiazioni, nel senso che, fermo restando i 2000€ /1000€ / 500€, visto l’incremento della richiesta delle gare, al momento 33 gare, magari allungheremo il numero delle squadre premiate. Come può darsi che, senza dovute garanzie, qualche gara la si debba “castrare” (anche quest’anno è già capitata cosa cosi. Se un organizzatore vuole inserire al solo scopo del fatturato, dei grandi numeri che fanno fare tanto fatturato, la gara sarà a rischio “castrazione”) Per gare che devono far ridere il botteghino, fare il fatturato, per questo, ci sono altri calendari gare ben più famosi e ben più esperti, che per via del garantire ottimo fatturato, sono calendari gare ben più attrezzati allo scopo. Come si gioca al Torneo Podistico, tanti l’hanno capito, però, tanti non l’hanno ancora capito. Poi, va da se che le gare del Torneo sono gare con giri che nulla hanno da invidiare a altre gare, anzi, mediamente, i giri delle gare del Torneo, sono più belli, perchè in mezzo alla natura o in luoghi incantevoli, giri che, regalano sempre quel qualcosa in più, regalano anche un pizzico di avventura. Tanti hanno fatto più volte questi giri, loro possono confermare se cosa che è reale, oppure, se è cazzata. Adesso, in queste settimane prendo in mano il regolamento, entro fine settembre deve essere già bella e che pronto. Per via del calendario no, seppur ci sono già le date e le gare, il calendario lo pubblichiamo il 1° gennaio 2018. La prima gara, la gara di apertura del Torneo, a metà gennaio, 14 gennaio. L’ultima data, che coincide con la festa delle premiazioni finali, Domenica 30 dicembre. Poi, logico che, non è ancora tutto già deciso. Le gare del Torneo, il calendario del Torneo, devono essere come il “paracadute”, devono essere come la mente, per funzionare bene, devono aprirsi. (mente rigida, chiusa, è mente con paraocchi. Ispirato da un discorso di un grande chitarrista, ispirato da Carlos Santana) CIAO (mauro)

TESSERA TORNEO

La tessera del Torneo è cosa che suggella una cosa, che il titolare è iscritto all’associazione AMICI TORNEO PODISTICO, e dunque, che rientra di diritto nella fase delle premiazioni finali delle dieci Combinate. Tanti atleti sono si iscritti, ma non hanno ancora ritirato la loro tessera. Questi che non hanno ancora ritirato la tessera?

TORNEO

Caterina, Andrea e Miriam sono altri amici che è stata fatta tessera del Torneo.

COUNTRY CORRIDA DI NUVOLENTO

 Aggiornamento PRE-ISCRITTI – n° 4

COUNTRY CORRIDA DI NUVOLENTO

Regola delle premiazioni della serata: Per prima cosa c’è da dire che le premiazioni sono anche cumulative. Che i premi sorteggio saranno in numero ridotto dal solito, perchè fare le sei buste denaro comporta anche un po’ di sacrificare qualche altra premiazione. COMPETITIVI: primi 3 M/F – SORTEGGIO: 10 numeri – NUVOLENTESI: primo M/F – TESSERATI AMICI TORNEO PODISTICO: Primi 3 M/F. COMBINATA TRIS RUN NUVOLENTO: Primi 5 M/F della Classifica Generale di categoria. Ovvio, che per l’atleta, è meglio che sia in possesso di certificato medico non scaduto. La correttezza. CIAO (mauro)

COUNTRY CORRIDA DI NUVOLENTO

Perchè questa denominazione? L’ispirazione viene da una gara del bergamasco, una gara che si disputava e forse si disputa ancora un Sabato pomeriggio di settembre. Una gara a circuito da ripetere più volte. Non è una novità che mi è sempre piaciuto andare a gareggiare in trasferta, quel Sabato di metà o fine settembre, non ricordo più tanto nitidamente, sono andato, accompagnato da Mariele, a fare la Corrida di San Girolamo. (quell’anno c’era a quella gara anche altra atleta che partecipa alle gare del Torneo, Maria Lorenzoni, assieme a Vittorio, sia io, che Maria, tutti e due in premiazione. Se per Maria è cosa normale, per me, è cosa che ho dovuto sudare) Ecco da dove deriva l’ispirazione della denominazione della gara, della denominazione Corrida. Poi, disputandola in campagna, viene da se che, logico anche il nome aggiunto: Country. Per la data, nella prima settimana di agosto, quello no, quella data mi era stata imposta dall’amministrazione comunale. All’inizio pensavo fosse stata data non buona, data che avrebbe penalizzato la corsa, che fai, fai gara in agosto a Nuvolento. Nuvolento, seppur un bel paese, nell’immaginario collettivo non è posto dove partecipare a una gara da fare d’estate. In estate, ben altro richiamo ha gara vicino al lago o in montagna, però c’è un però, mi sbagliavo, mi sbagliavo alla grande. La data viene fuori perchè, l’amministrazione comunale, voleva dar inizio a una cosa, dar inizio a una tradizione, una settimana intera dedicata alla Patrona di Nuvolento, che si festeggia il 5 di agosto, S. Maria Della Neve. Dopo la prima edizione al campo sportivo, visto la massiccia (io speravo molto ma molto di più dei circa 350 partecipanti, visto le quattro gare, visto il montepremi) partecipazione, l’amministrazione è rimasta contenta. L’anno dopo con ancor più entusiasmo, l’amministrazione comunale ha fatto diventare la settimana della Patrona, ancora più bella con più manifestazioni e con pista da ballo allestita nella piazza del paese. Logico che, cosa cosi ha penalizzato un po’ la viabilità, però questa è senz’altro cosa che chi ha visto, non dimenticherà. Quell’anno è stato come far disputare il gran premio automobilistico di Formula 1 in centro alla città di Roma. Sai i disagi, ma sai la cornice. Il prossimo anno, la Corrida la faremo in paese, toglieremo il Country. Pensavo, in un primo momento, di farla partire dalla piazza del paese, però, avendo parlato ieri di campestre, il prossimo anno vorrei, mi piacerebbe, aprire il Torneo con una campestre, una campestre nella Valle del Marmo e del Rio Giava, d’altronde, il copyright è mio e lo posso usare come e quando voglio (vi ricordate la campestre del 2013, del 3 febbraio 2013 1^ CAMPESTRE VALLE DEL MARMO & RIO GIAVA. Ebbene è mio il copyright. L’anno prossimo vorrei riproporla. Ma di questa gara ho altro da raccontare , però, magari, un’altra volta) Dicevo, se faremo campestre, la non competitiva va a fare un bel tratto della Corrida di Nuvolento che avevo immaginato, un percorso che avevo in mente di far fare il prossimo anno. Però se faremo campestre, per forza di cose dovrò cambiare il giro della Corrida. Magari partiremo dal campo sportivo e faremo zona del versante verso Paitone. Però, al momento, nulla è deciso, sono solo ipotesi, sono solo fantasticherie. Di concreto è che ho acquistato una trentina di zaini e nei prossimi giorni li riempirò di prodotti. Gli zaini saranno premio sia della gara che della Combinata TRIS RUN NUVOLENTO, la prima delle Combinate del Torneo a essere premiata. Le buste denaro sono cosa a parte, sono riservate al podio tesserati AMICI TORNEO PODISTICO. Alla prossima. CIAO (mauro)

COUNTRY CORRIDA DI NUVOLENTO

Dopo la Mille Trofei, l’atletica, a Nuvolento, è stata più che altro, solo che giovanile. USO Nuvolento è stata, ai tempi, una bella realtà dell’atletica. A tener viva l’attività, più che altro, Oscar Bollani. Grazie a Oscar, l’attività giovanile è sempre stata su buoni livelli. Per quanto riguarda i master, gli stagionati, quelli un po’ più su di età, come punto di riferimento avevano il G.P. Felter Sport. Nuvolento, come tutti i paesi della zona, erano “feudo” di G.P. Felter Sport. Penso che nell’immaginario collettivo dei podisti bresciani e non solo, fatte le similitudini, l’immaginario era che: G.P. Felter Sport era il Sole, e gli altri gruppi podistici solo che i Pianeti. Il Sole è una stella, mentre i Pianeti non sono elevati al rango di stella. Per questo motivo è anche più che giustificato e ha un senso il logo del gruppo. (per dire, come tanti e tanti della provincia di Brescia e non, tanti sono passati nelle sue fila, anch’io sono stato, ai tempi, atleta del G.P. Felter Sport, io e Vico, Lodovico Simonetti, il papà di Matteo Simonetti, a quei tempi eravamo i due jolly del G.P. Felter Sport. A quei tempi, ero molto ben visto da tutto il gotha gardesano, chissà perchè?) Ecco, qualche corsa a Nuvolento e in zona, ai tempi, metà anni ’80 e inizio anni ’90 è stata organizzata dal G.P Felter Sport. Poi, un anno, pago per fare una gara del gardesano a Nuvolento, anno 1992 o giù di li, ebbene, pago la gara, ma, vengo relegato, invece di essere trattato da “finanziatore”, vengo relegato a sguattero. Prende in mano il tutto G.P. Felter Sport e USO Nuvolento. Non è la prima e ultima volta. Difatti, a metà anni ’90, a Nuvolento vengono disputate per tre anni, tre corse serali, a giugno (giugno, anni e anni fa, le serali, non riscuotevano grande successo, spesso le date venivano mollate dai precedenti organizzatori. Non è come di questi tempi, dove a giugno c’è l’intasamento delle gare serali. Tanti, se organizzano vogliono serale di giugno. Tanti, ma chi sono questi tanti? logico, qualcosa nel frattempo è cambiato, anni e anni fa, le corse podistiche rimanevano, per lo più, in ambito prettamente podistico. Adesso no, adesso sono camuffate da gare podistiche, ma servono per portare gente alla festa, alla sagra del momento. Gli organizzatori di sagre hanno scoperto che con poca spesa nella corsa podistica, richiamano tanta gente alla loro sagra, fanno un bel incasso al botteghino) In pratica, cosa avevo fatto, Angelo Fusi mi aveva chiesto se trovavo il modo di far mettere nel calendario gardesano una corsa serale da fare a Nuvolento. La sera della stesura del calendario siamo andati a Puegnago e non è stato difficile avere una data serale. In calendario appariva Corriamo Insieme Per Nuvolento. (c’è da dire che, Angelo si è sempre dato molto da fare, per organizzare manifestazioni a Nuvolento, per tenere viva la comunità) Questa corsa si è disputata per tre anni. Anche in questa occasione mi avevano messo da parte, dopo aver sudato,  dopo che non servivo più, mi hanno abbandonato. Un anno, vado in comune e prospetto ai responsabili che volevo organizzare una campestre, mi hanno detto che mi avrebbero fatto sapere, passato del tempo, non ricevendo risposta, sono andato a Paitone. Li, come spesso capita, nel senso che difficilmente nel proprio paese si è ascoltati, se non sei di quella parte. A Paitone mi hanno messo a disposizione tutto e di più, in pratica era andata in scena la più bella corsa campestre di quell’anno, grande successo nonostante il boicottaggio del CPAB, Campestrissima ’99 è stata la campestre dell’anno (Elio Ferrari il vincitore, Elio, altro 1956, a mettere tutti in fila) Poi, a Nuvolento, cambio di amministrazione comunale e ecco che, nel 2005 inizia la storia, la lunga storia della Corrida di Nuvolento. Per stasera finisco cosi. CIAO (mauro)

COUNTRY CORRIDA DI NUVOLENTO

Nuvolento, è stato uno dei primi a fondare una società di atletica. Non sono molte le società di Atletica fondate prima del 1969. Il fondatore è stato il curato di Nuvolento, don Dino. Nel campetto dell’Oratorio aveva fatto anche qualche corsia per le gare di velocità e anche la buca del salto in lungo e la sabbia veniva usata anche per il salto in alto. Poi il calcio ha, come in tutti gli altri paesi, il calcio è diventato cosa divina. E pensare che a Nuvolento, non tanto presso l’Oratorio, ma presso il campo sportivo, di spazio ce n’è. Ce n’è sia per le corsie della velocità, sia per la buca del salto in lungo, sia per la pedana dei lanci. Non avere mai avuto assessore allo sport che amasse anche l’atletica, per Nuvolento è stato penalizzante, molto penalizzante. Ma dove sta il buonsenso di fare anello intorno al campo di calcio, anello di 430m. Qualsiasi, anche il più a digiuno di sport, sa che, la pista di atletica all’aperto, per omologare le gare, deve essere di 400m in pacca. Per soli 30m, Nuvolento, è come quel tale che è andato a Roma e non è andato a visitare il Colosseo. Non ha fatto 30m in più (per Nuvolento 30m in meno) e non può dire di aver visitato il Colosseo. don Dino è stato grande innovatore, e sicuro che, se quando hanno costruito il campo sportivo c’era ancora lui come curato, sicuro che la pista sarebbe stata di 400m e, con la buca e con la pedana, ovvero, la stessa cosa che hanno fatto a Serle. (che poi venga usata o meno, questo è altro paio di maniche) Ma non solo, sicuro che, con don Dino, presso il campo sportivo, ci sarebbe stata anche piastra polivalente, basket, tennis, pallavolo, calcetto. E magari, perchè no, oltre che far girare i ragazzini della bici sulla pista del campo sportivo, avrebbe anche fatto più piste ciclabili e anche dal paese verso la campagna. Il progetto che mi aveva accennato l’ex sindaco, era un bel progetto, purtroppo, rimasto solo un progetto. don Dino era uno sportivo, oltre che persona di grande intelletto. Al gioco della dama, dava una pedina di vantaggio a tutti, lui giocava con una pedina in meno, alla fine, vinceva sempre lui. Solo una volta l’ho visto perdere, e ad armi pari, a pari pedine, ho visto Mariolino (Mario Bianchini, uno dei quattro paggi, quelli originali, gli altri: Otello Olivieri, Giancarlo Gabana e un certo Mauro Tedoldi. Alle feste più importanti, “venivamo ingaggiati anche delle altre parrocchie” Il costume era quello dei paggi ‘700 Bei tempi e belle divertite Sono stato tre anni a fila miglior chierichetto di Nuvolento, non si direbbe. Poi, Molinetto, Brescia e il rock, mi hanno tolto il paraocchi, e si è aperto un’orizzonte infinito e colorato davanti ai miei occhi) vincere contro don Dino. Chiuso con cazzata che poco ha a che fare con il running, ritorno a parlare di corsa a piedi. La corsa a piedi con più partecipanti che si è svolta a Nuvolento è stata nei primi anni ’70, c’era don Dino (se quella corsa fosse stata organizzata ininterrottamente sarebbe sul podio delle corse più anziane della provincia, le possibilità c’erano, eccome c’erano. Qualsiasi gara, quando, dietro, hai il supporto dei giovani dell’Oratorio diventa tutto più facile. Ma chi aveva voce in capitolo in Oratorio, a quei tempi, vedeva solo che calcio, come, del resto, anche negli altri paesi) La corsa si denominava MILLE TROFEI. I ragazzi grandi dell’Oratorio, avevano fatto fare mille trofei in miniatura, peccato che il mio l’ho buttato, quando ero giovane, tenevo a qualcos’altro, altro che pensare al trofeo in miniatura di una corsa podistica. Sta di fatto che ci stavano mille trofei, li consegnavano all’arrivo, il mio, arrivato intorno ai milleduecento, ho dovuto aspettare qualche settimana prima di riceverlo. A quella gara, spero di non sbagliarmi, ma sentivo che era stata vinta (era una non competitiva) da un giovane, da Faustini, Osvaldo Faustini. E’ vivo e vegeto, e può confermare se è cosa vera o se sono state solo che voci, se è solo storiella che girava all’arrivo. Sta di fatto che, terzo posto, un’altro 1956, l’atleta che è raffigurato in photo sul volantino di presentazione della Country Corrida di Nuvolento 2017, il mio classe Sergio Benuzzi. Più volte primo alla Corrida, categoria nuvolentesi. Una volta, anni e anni fa le corse a piedi avevano spirito diverso, era un ritrovarsi in compagnia di tanti altri con la stessa passione, quasi tutti tapascioni. In 1 anno si contavano, si e no, una trentina/quarantina di corse a piedi in tutta la provincia (non è come adesso che ce ne sono quattro o cinque e tutte le domeniche, e meglio cosi, meglio avere delle possibilità di scelta, mio parere personale) A quel tempo, se si correva sul garda, arrivavano pullman da altri paesi che partivano magari dalla bassa o dalle valli. Nuvolento, c’è stato ancora che facevano due pullman, non è che erano tutti di Nuvolento, magari c’erano sul pullman anche quelli di Paitone, Prevalle, e Nuvolera. Una volta c’era molta più vicinanza e meno competitività. Una gara non competitiva, per via che non c’era nessuna concomitanza e magari per altre due settimane nessuna gara in giro, la presenza dei partecipanti era sempre tanta, si faceva presto a superare le mille presenze, cosa che, al giorno d’oggi, per fare questi numeri, devi spendere migliaia e migliaia di euro solo per fare promozione, la pubblicità. Poi, ritornati al paese, tutti contenti e orgogliosi di far vedere la coppa o il trofeo a quelli li presenti al bar (di solito la sede dei gruppi podistici era sempre presso un bar, non come adesso, che, spesso, è presso l’abitazione del presidente, come nel caso runningadventure e Amici Torneo Podistico) Adesso, da be e bella che più nessuno vuole coppe e trofei, come dargli torto. Cioè, fatemi capire, come si fa a essere contenti di fare primo secondo o terzo posto nei gruppi con più iscritti, per cosa, per andare a scegliere coppa e trofeo riciclato da chissà quanti anni? è questa la cosa che obbligano a fare? Obbligano gli iscritti al gruppo di andare alla tal gara, sempre quella e tutti gli anni, e per cosa, per andare a prendere coppa riciclata una ventina di volte minimo? Gruppi che partecipano a una gara, fanno tante iscrizioni per prendere una coppa riciclata, che poi, a loro volta, ricicleranno anche alla loro gara. Ma che senso ha tutto questo? Come avete notato il circuito gare del Torneo, non prevede coppe obsolete e riciclate, lo abbiamo fatto, solo qualche volta, solo i primi due anni, quando ce lo imponevano gli altri comitati che avevano messo la gara del Torneo anche nel loro calendario. Però, adesso basta, adesso il Torneo è diventato grande, è diventato maggiorenne e decide da solo. Già l’avevo postato anche anni fa che ci saremmo tirati fuori dal giro delle coppe riciclate e in magazzino ne ho ancora tante, questo perchè non ha senso, se è coppa nuova ha un senso, altrimenti è solo che presa in giro. Pensavo che 500€ avrebbero fatto presa su qualche gruppo, mi sbagliavo, mi son sbagliato alla grande. Tutti i gruppi sono amanti, ancora oggi, preferiscono la coppa riciclata, perchè? detto che a loro serve per riciclarla a loro volta alla loro gara, poi serve per dare il contentino all’atleta, alla festa sociale annuale. Di solito, all’atleta del gruppo, a fine anno, alla festa sociale si fa scegliere una delle coppe riciclate che si sono prese alle varie gare durante l’anno. L’atleta è contento a portarsi a casa la sua bella coppa riciclata, contento lui, a me non deve interessarmi. Anche questo è più che logico. A proposito, visto che, 500€ non interessano minimamente ai gruppi nostrani, il prossimo anno diventeranno 2000€, questo sicuro, stampatelo, cosi, per vedere se poi mantengo parola. Però, visto che, ai gruppi nostrani, per quattro anni non glie mai fregato delle gare del Torneo, il sistema che assegna il punteggio non è il solito vecchio e obsoleto sistema di: pesce grosso mangia pesce piccolo, sistema gardesano (dove il tipo arriva al tavolo iscrizioni e dice dammi 50 cartellini interi e 50 cartellini ridotti, e come gruppo sono sie e no una ventina. Poi ci sono quelli che sono li in venticinque in carne e ossa e beccano meno. Ma non è finita qui, 50 interi e 50 ridotti, poi, la talpa è li al tavolo iscrizioni, la talpa c’è sempre, non capisco chi si adatta a fare vita da talpa, la talpa del potente. Allora se vede che il gruppo con più iscritti ha 40 iscrizioni, lui ne mette sul piatto 50. la rimanenza dei 50 cosa fa? semplice, fa altri due “gruppi fantasma”, parola tanto cara a Bonomini. Dicevo, fa altri due gruppi fantasma. Nel senso che non sono atleti in carne e ossa, un’altro da 30 e l’altro da 20. Un modo da portarsi a casa o nella tana, fate voi, un modo per portarsi a casa tre coppe riciclate invece che una sola. Sono un dinosauro della corsa a piedi, questi trucchetti da be e bella che li conosco e, qualche volta li ho messi in atto anch’io, Corsa Dei Campioni a Pavone Mella, li, a quella gara facevo sempre tre gruppi. Poi, il tipo si alza dalla platea e grida, urla è uno scandalo. Caro tipo che hai fatto voce grossa, lo scandalo è che con 200 cartellini ho fatto secondo posto, primo posto con molti cartellini meno, indovina che l’aveva fatto, hai indovinato, anche perchè c’eri anche tu e hai visto, però succube e riverente, come lo sei adesso verso il gotha gardesano, li non sei stato a sindacare su quell’anomalia. Adesso te lo spiego cosa è successo, ti ricordi che primo posto box doccia? ti ricordi o no? a me del box doccia non me ne fregava un .azzo. A me, interessavano i quattro cerchi e le quattro gomme, perchè il denaro per acquistare i cartellini me lo aveva dato un venditore di auto usate, li avrei dati a lui. Vado dall’organizzatore, queste trattative sempre qualche settimana prima, già da volantino si sapevano i premi per i gruppi. Vado dall’organizzatore, col quale avevo e ho buon rapporto, una persona, tra le altre cose, che con quella gara li, in dieci anni ha messo nelle casse dell’oratorio milioni e milioni di lire, quasi un centinaio di milioni di lire. Nelle sue tasche nemmeno mille lire, quello che ricavava lo donava tutto all’oratorio di Pavone Mella. Gli dico: guarda che faccio tot iscrizioni, però non voglio gabolate, le gomme e i cerchi li devo portare a casa e lui, sai, come faccio? non posso inimicarmi … devo farlo arrivare primo coi gruppi, perchè, carissimi, chi può stare a sindacare quante iscrizioni ha fatto un gruppo o l’altro, l’organizzatore dice cosi, e è cosi, punto e basta. E io, e se sceglie invece che il box doccia le gomme o i cerchi, l’organizzatore mi risponde, nessun problema, vado all’officina e mi faccio dare un’altro treno gomme uguale e poi te lo do in un secondo momento) Per la Fidal cambia poco, la società più avvantaggiata è quella che ha tantissimi atleti, li comanda la potenza, il denaro per mantenere carrozzone di atleti, tappezzeria da usare quando è il momento giusto. In tutti e due i casi è il … ti pace vincere facile … Carissimi, sono un dinosauro della corsa a piedi, sicuro che vi svelerò altri giochetti che si possono fare. Per adesso chiudo cosi, anche se ho parlato poco e niente della Country Corrida di Nuvolento. CIAO (mauro)

COUNTRY CORRIDA DI NUVOLENTO

Pre-iscrizioni aperte. info@runningadventure.it Prossimamente sarà aperto apposito BOX ISCRIZIONI alle gare del Torneo anche su questo sito. Pazientate ancora un po’. Quello delle pre-iscrizioni è cosa, che se fate, cosa che vi riserva omaggio. Al momento di fare il cartellino, vi sarà consegnato un omaggio. Questa fase sono ancora in tanti a trascurarla.

COUNTRY CORRIDA DI NUVOLENTO

Questa mattina sono stato a fare scatti fotografici del giro. Su 44 SCATTI, la sequenza cronologica. Questa volta, le photo, nell’album si sono incastrate giuste. Causa vecchio volantino, adesso modificato, dal volantino nell’album si vede che verrà premiata anche la Combinata Certe Notti, ma come ben tutti sanno, sto parlando di chi gioca col Torneo Podistico, CERTE NOTTI, questa combinata, la premiamo il 23 di agosto a San Gallo. Ma ritornando alla COUNTRY CORRIDA: il giro è di 6km, un giro piatto, che più piatto di cosi. Lo scorso anno la gara ha visto trionfare Simone Faustini col tempo di 19’22”, seguito da Davide Copeta (20’15”) e Patrich Ferrari (21’14”) Un vantaggio di 1 minuto sul secondo classificato e 2 minuti sul terzo classificato, che non sono gli ultimi arrivati, la dice lunga su come Simone sia andato forte quella sera. Tiziano, che era a fare servizio a un incrocio, quando son passato a fare fine corsa, mi fa: ghet vist Simone come èl nàa (hai visto Simone come viaggiava) Per quanto riguarda le donne, il podio dello scorso anno è stato cosi: Stefania Calò (25’31”) Milena Linetti (25’57”) Irma Zaka (26’17”). Country Corrida di Nuvolento, è la gara che premia la prima delle dieci Combinate inserite nel circuito gare AMICI TORNEO PODISTICO. (purtroppo tanti non hanno capito il gioco, tanti e tanti legati ancora al vecchio e dinosauro modo di giocare, quello della sportina premio. Se questo è anche logico per gli atleti forti, dove, per loro gara o l’altra, è la stessa cosa, qualcosa portano sempre a casa. Quello che non capisco è il modo di giocare di quelli meno forti, quelli che, la sportina, non la beccheranno mai a quelle gare. Costretti anni e anni e anni a fare sempre la stessa gara, conoscere pochi giri e non avere soddisfazione di beccare qualcosa da portare a casa. Qualcosa da poter raccontare. Sono come quei animali allevati in modo industriale, poco raggio d’azione e mangiare sempre quello. Poi ognuno libero di fare quello che più gli piace, sono il primo a dirlo. La soddisfazione arriva da qualcuno, qualcuno che ha capito come si gioca con le gare del Torneo e, qualcuno, pur essendo poco più che tapascione, quest’anno, si porterà anche a casa molto più di tanti atleti forti, forti di gambe e di piedi) Il non capire il gioco è cosa che non solo penalizza gli atleti forti, ma penalizza anche a livello di montepremi. C’è un solo circuito gare (per adesso. Ma le imitazioni e le cover sono sempre in agguato) dove il montepremi non è deciso dagli organizzatori, ma viene deciso dai partecipanti. Per chi è forte di gambe e di piedi, forse questi non hanno capito che: 2€ di ogni iscritto con cartellino arancio, quelli in classifica, è destinato esclusivamente ai premi finali. Le classifiche di tappa ci sono, non si sgarra, i conti li sanno fare tutti, o no? Logico che, cari forti di gambe e piedi, più partecipate più è meglio, anche per voi. Però, avete deciso cosi, e a me sta più che bene (… applausi o fischi, non è cosa che metto tra i miei rischi di organizzatore, successo o flop, sono cosa meno importante di far partire una gara, immaginatevi se applausi o fischi, se successo o flop, hanno minimamente peso sul fatto di aver creato, dal nulla, messo in piedi il più bel gioco podistico della provincia, quattro anni boicottato e nonostante questo, quattro anni di continua crescita, presidenti: CIAO … ispirata dalla canzone, si quella, la canzone di Francesco Guccini) Visto l’andazzo di quest’anno, nel senso che, pochi a partecipare, per la COMBINATA TRIS di NUVOLENTO il premio per i primi classificati consisterà in un bel fagotto, uno zaino capiente a due tasche, ricolmo di prodotti da supermercato. (di più non si può fare, all’inizio, quando io e i miei collaboratori abbiamo pensato alle Combinate, si pensava di premiare solo e esclusivamente con carta regalo di catena di negozi sportivi) Carissimi, forti di gambe e di piedi, se voi non date una mano, sicuro che i sogni si realizzano solo a metà. Questo argomento delle premiazioni continuerà anche prossimamente, già il prossimo anno, già qualcosa cambieremo, più attenzione alle squadre e un po’ meno alle categorie. Per me, il prossimo anno, il gioco diventerà ancora più bello. Sempre che, chi comanda i giochi, ci lasci ancora giocare. CIAO (mauro)

TORNEO & COMBINATE (regola premiazioni)

Una regola, che è anche scritta, dice che: bisogna essere in regola con il certificato medico. Al momento delle premiazioni di qualsiasi Combinata, e questo iniziando dalla prossima gara di Nuvolento, la COUNTRY CORRIDA, i premiati devono essere in regola. Per trasparenza verso gli altri che sono arrivati dietro in classifica, devo essere in grado di far vedere anche il certificato medico valido. Per questo motivo, la cosa deve essere più trasparente e chiara possibile, che non si dia adito a nessun tipo di dubbio. Il certificato medico valido, lo deve presentare, possibilmente, l’atleta al momento delle premiazioni. Il certificato medico valido deve essere la copia in possesso dell’atleta in originale, se cosi è meglio. Oppure, fotocopia chiara, molto ben leggibile, non tutta scura o tutta chiara, dove bisogna interpretare cose c’è scritto. Spero di esser stato chiaro, questo perchè tante sono le visite mediche sbiadite o scure, dove non si legge un .azzo. Poi, tanti che hanno visita medica scaduta, carissimi, la scelta è vostra. C’è una regola e deve essere rispettata, da tutti, qualsiasi sia il vostro nome. A proposito di regola, la COUNTRY CORRIDA DI NUVOLENTO, li faremo premi cumulabili (di gara, tesserati al Torneo, ovvero, tessera ASI Amici Torneo Podistico e residenti) Le buste denaro sono premi extra, premi extra riservati ai possessori di tessera ASI Amici Torneo Podistico. Le gare del Torneo sono gare sociali, punti e premi, alla fine, solo ai tesserati. Fidal o altri Eps, non c’entrano nulla con la graduatoria sociale a punti. Stessa cosa di quelle gare che premiano primo Avisino, e si deve mostrare tessera. Stessa cosa dove si premia il primo Alpino. Stessa cosa dove si premia atleta di gara valevole di campionato di altro Comitato o altro Eps. Alcuni miei atleti, seppur più forti, hanno accettato questo, e non sono stati premiati, questo, quando erano running adventure, nel Gardesano, non sono stati premiati a fine anno. Come è giusto che gli altri Comitati vogliono che si rispettino le loro regole, anche il Torneo Podistico ha le sue regole, e si devono rispettare. Mi sembra di esser stato più che chiaro. Visto che ho tirato in ballo il Gardesano, adesso tiro in ballo il Comitato Fidal Provinciale, anno, non mi ricordo, forse 1999 o 2000? Ebbene, il mio ex atleta Nello Bassetto fa primo posto nel Gran Prix su Pista, ebbene, a lui, e solo a lui, nel suo pacco premio mancavano le scarpe da running. Questo, secondo voi, che siete notoriamente superpartes, che dite: impossibile che in Fidal, anche se solo a livello di Comitato Provinciale si facciano delle porcherie, come la mettiamo? è cazzata questa? si fa presto, i protagonisti della storia sono ancora vivi e vegeti. Al figlio di Nello, a Stefano, in una gara del Gardesano fa primo Avisino, aveva diritto di ricevere il premio del primo Avisino, ma siccome era runningadventure, viene li un tipo e si assume tutte le colpe, dice di aver sbagliato e che il bel cronometro da polso che c’era in palio l’ha dato al primo Avisino che si era iscritto alla gara. Carissimo bel tipo, anche se sei venuto li su suggerimento della “tigellina”, hai sbagliato? hai riconosciuto il tuo sbaglio, va bene, ma dopo, cosa hai fatto per rimediare? Carissimo bel tipo, se sul volantino scrivi che premi il primo Avisino classificato della gara, e lo premi con il cronometro, lo devi premiare con il cronometro, questo a casa mia. Ma visto che di regole nel Gardesano, fin quando runningadventure era tra le squadre più forti, le regole erano: tutelare la squadra del cuore, che vuoi, vuoi cose giuste? Adesso la squadra del cuore, a forza di esser stata e sempre privilegiata, adesso è sparita? Dicevano cosi ai miei atleti: ma la tua squadra c’è ancora? Carissimi, voi che vi piacciono le cose giuste, i premi, come si deve fare, come gli anni passati nel Gardesano, o seguendo la trasparenza? (altra correttezza gardesano: Pellini, mio ex atleta, fa il primo posto in Golden Cup e in quasi tutte le altre gare del Calendario Gardesano. Secondo posto, lo fa atleta della squadra del cuore, alle premiazioni finali, in mezzo a tutti i premi, troneggiava un bel quadro con dedica, non posto il nome dell’atleta, quadro con inserita targa ricordo che riportava: xxx MIGLIOR ATLETA DELL’ANNO) Carissimi, tanti e tanti di voi che frequentate altre gare, tanti di voi che, non sanno nemmeno che cosa sia la correttezza. Se ci tenevate alla correttezza, vi facevate sentire, invece succubi e coda in mezzo alle gambe, che vuoi, mi dite: che vada contro il gotha gardesano, solo per poi essere penalizzato, quelli son … Dopo questa sbrodolata (i protagonisti sono ancora vivi e vegeti, chi dice il vero?, chi dice il falso?) logico che, quando si faranno le premiazioni finali, solo che essere in regola, al di la del nome (nessuno splende più degli altri, le regole sono e devono essere uguali per tutti) CIAO (mauro)

ALCUNE DELLE DOMANDE FREQUENTI

ISCRIZIONI?CHE COSA C’È DA FARE AL MOMENTO DELL’ISCRIZIONE ALLA GARA? AL MOMENTO DELL’ISCRIZIONE, SI VERSA LA QUOTA, (CHE PER TUTTE LE GARE DEL CIRCUITO AMICI TORNEO PODISTICO SONO 5€, SIA LUNGHE CHE CORTE, SIA SU STRADA CHE DI MONTAGNA) CONTRIBUTO ISCRIZIONE A GARA. LO STESSO MOMENTO VI VERRÀ CONSEGNATO UN CARTELLINO DA COMPILARE. IL CARTELLINO ISCRIZIONE È MOLTO IMPORTANTE, COMPROVA CHE VI SIETE ISCRITTI E CHE AVETE COPERTURA ASSICURATIVA E SERVE PER FARE GRADUATORIA DI GIORNATA. IL CARTELLINO ISCRIZIONE È DI DUE COLORI: ARANCIO PER CHI PARTECIPA COL NUMERO GARA E DI COLOR BIANCO CONSEGNATO A CHI PARTECIPA SENZA NUMERO.
NUMERO? COSA VUOL DIRE NUMERO? IL NUMERO SERVE PER DISTINGUERE CHI FA PARTENZA ALLE ORE 9 DA CHI PUÒ PARTIRE (ESPLETATA L’ISCRIZIONE A GARA) DALLE ORE 8,30 IN POI. IL NUMERO È CONSEGNATO SOLO A CHI PRESENTA VISITA MEDICA IN CORSO DI VALIDITÀ.
VISITA MEDICA?E’ INDISPENSABILE PER CHIARA NORMATIVA IN MERITO. INOLTRE, PRESENTANDO LA VISITA MEDICA VALIDA, VI VERRÀ FATTA TESSERA ASI A COSTO ZERO, TESSERA ASI CHE È COSA INDISPENSABILE PER FIGURARE IN GRADUATORIA DI GIORNATA E IN GRADUATORIA GENERALE.
CARTELLINO COLORATO?COSA VUOLE DIRE? I DUE COLORI DISTINGUONO LE DUE CATEGORIE DI PARTECIPANTI. QUELLI CON TESSERA ASI, OVVERO, QUELLI CHE HANNO PORTATO LA VISITA MEDICA, DA CHI NON L’HA ANCORA CONSEGNATA ALLO STAFF ORGANIZZATIVO DEL CIRCUITO GARE. SUL CARTELLINO CI SONO DEI CAMPI DA COMPILARE, VA MESSO, NELLE RIGHE PREDISPOSTE, OBBLIGATORIAMENTE: COGNOME, NOME ANNO DI NASCITA. QUESTA COSA PER TUTTI E DUE I TIPI DI CARTELLINO. POI, PER IL CARTELLINO ARANCIO, VA MESSO IL NUMERO DI GARA E, COSA FACOLTATIVA, IL NOME DELLA SQUADRA, QUELLA CHE VI STA PIÙ SIMPATICA, QUELLA DOVE SI VUOLE VADANO A FINIRE I PROPRI PUNTI DI GIORNATA. PER QUESTA COSA BUTTATE UN OCCHIO AL REGOLAMENTO.
SQUADRA?COSA È QUESTA COSA? QUESTA È COSA CHE ASSEGNA: 500€ ALLA PRIMA IN CLASSIFICA GENERALE FINALE, POI 400€ E 300€ A SECONDA E TERZA. SEMPRE CHE, LE SQUADRE, ABBIANO RISPETTATO IL REGOLAMENTO IN PROPOSITO DI PREMI FINALI ALLE SQUADRE. QUI C’È DA CAPIRE UN POCO IL GIOCO, IL GIOCO È UN GIOCO NUOVO, E LOGICO CHE, QUALCHE SQUADRA NON ABBIA CAPITO FINO IN FONDO QUESTO NUOVO GIOCO
COSA SONO LE COMBINATE? LE COMBINATE SONO N° 10, CON UNA LORO SPECIFICA TIPOLOGIA E CARATTERISTICA, + UN’ULTIMA COMBINATA CHE SOMMA I PUNTEGGI DI TUTTE LE COMBINATE INSERITE IN CALENDARIO GARE, LA COMBINATA RAINBOW. ALL’ULTIMA GARA DI UNA SPECIFICA COMBINATA, SI PREMIERANNO TRE CATEGORIE FEMMINILI E TRE MASCHILI. LA COMBINATA RAINBOW SI PREMIERÀ NEL CORSO DELLA FESTA DI CHIUSURA ANNO SPORTIVO. SPIEDO, POLENTA TIRAGNA, BUON VINO, MUSICA E BALLI. LA FESTA SI PROLUNGHERÀ PER BUONA PARTE DEL POMERIGGIO, E OLTRE AI PREMI, ANCHE IL PRANZO, TUTTO QUESTO, GRATUITO PER I FINALISTI DELLA COMBINATA RAINBOW.
COSA SONO I PUNTEGGI? I PUNTEGGI SERVONO PER STILARE UNA CLASSIFICA A PUNTI, UNA GRADUATORIA DI MERITO. I PUNTEGGI SONO FORMATI DA : 1) COMPONENTE ETÀ, = TOT PUNTI PARI ALL’ETÀ DEL PARTECIPANTE. 2) PUNTEGGIO IN BASE ALL’ORDINE DI ARRIVO GENERALE. 3) E’ PREVISTO UN BONUS DI PUNTEGGIO SOLO PER IL SETTORE FEMMINILE. I PUNTEGGI SOLO A CHI HA TESSERA ASI.
COSA SONO LE CATEGORIE? LE CATEGORIE SONO FASCE DI ETÀ. SONO PREVISTE TRE FASCE DI ETÀ, IN BASE ALL’ANNO DI NASCITA. LE FASCE DI ETÀ PREVISTE SONO SPECIFICATE NEL REGOLAMENTO.
COSA VUOL DIRE SI PREMIERANNO? SONO PREVISTI N° 30 PREMI PER OGNI COMBINATA, PREMIATI I PRIMI CINQUE DI CATEGORIA. PER LA COMBINATA RAINBOW, LE PREMIAZIONI SEGUONO UN ALTRO CRITERIO, CRITERIO SPECIFICATO NEL REGOLAMENTO.
COSA È LA TESSERA ASI? È LA TESSERA DI UN ENTE DI PROMOZIONE SPORTIVA RICONOSCIUTO DAL CONI. LA TESSERA È CONSEGNATA SOLO A CHI È IN POSSESSO DI VISITA MEDICA CHE ATTESTA L’IDONEITÀ A PRATICARE LA CORSA A PIEDI. LA TESSERA ASI AMICI TORNEO PODISTICO È A COSTO ZERO.
ALTRI AGGIORNAMENTI, IN SEGUITO, SIAMO ANCORA AGLI INIZI, SIAMO ANCORA IN FASE DI RODAGGIO, MA SONO SICURO CHE AVETE GIÀ CAPITO LA SITUAZIONE E SIETE DISPONIBILI AD ACCETTARE ANCHE QUALCHE EVENTUALE PICCOLA O GRANDE MANCHEVOLEZZA